Svaghi e Passatempo

Premessa
La vita nelle Hell on Wheels (letteralmente “inferno su ruote”, le città di tende che seguivano la costruzione delle ferrovie transcontinentali), nelle cittadine minerarie e in generale nei territori di frontiera era tutt’altro che facile. Il duro lavoro, vero motore del Progresso e della Civiltà, impegnava gli uomini e le donne dall’alba al tramonto (ovvero dalle 5AM alle 5PM) per sfruttare al massimo le ore di luce, dal lunedì al sabato, con poche pause per mangiare e per riposarsi. La domenica era il Giorno del Signore: non si lavorava, ma si frequentava la funzione mattutina in Chiesa e poi ci si dedicava alla propria famiglia, sempre che si aveva la fortuna di averne una. Va da sé che a fine turno i lavoratori sentissero il bisogno di svagarsi e - soprattutto - di scacciare il senso di solitudine che le distese immense e desolate dell’Ovest potevano suscitare negli uomini: alcol, prostituzione e gioco d’azzardo sono i passatempi più “celebrati” nell’iconografia del Far West, ma non sono di certo l’unico modo con cui cowboys, minatori e rozzi tagliatori si svagavano nelle ore libere.

Articolo redatto da: Lowkey